MERCATELLO SUL METAURO

Situato alle pendici dell’Appennino, là dove Marche, Toscana, Umbria e Romagna si incrociano e dove i torrenti Meta e Auro si uniscono a formare il fiume Metauro, Mercatello offre ai suoi visitatori scorci che ricordano i paesaggi di artisti come Pier della Francesca e Raffaello. Un recente studio ha affermato che anche Leonardo da Vinci si è ispirato a queste colline per lo sfondo de “La Gioconda”. Ogni angolo di questo paese racchiude la memoria della Storia passata. Nella chiesa Collegiata è conservata un’icona bizantina venerata come Protettrice dai terremoti e nella chiesa di S. Francesco si può ammirare il Crocifisso di Giovanni da Rimini, importantissima tavola che segna il passaggio intermedio tra il Gotico di Cimabue e la modernità pittorica di Giotto.

Pochi sanno che proprio nel territorio di Mercatello sul Metauro, nell’antico borgo di Castello della Pieve, venne deciso l’esilio del poeta Dante Alighieri. Tra le mura del Palazzo Ducale, progettato dall’architetto Francesco di Giorgio Martini, passò i suoi primi anni di vita il condottiero Federico da Montefeltro Duca di Urbino , passato alla Storia per il suo valore di stratega militare e mecenate delle Arti. Qui passarono Napoleone Bonaparte , poi Giuseppe Garibaldi e, infine, l’esercito tedesco con la famigerata Linea Gotica. A Mercatello, però, non si respira solo aria di combattimenti, ma anche di santità. Qui nacquero, infatti, prima la Beata Margherita della Metola e , nel ‘600, S. Veronica Giuliani, patrona dei fotografi e dei reporter. La sua casa natale fa oggi parte del locale convento delle Cappuccine e in esso sono ancora conservate gelosamente molte reliquie della sua vita terrena.

Mercatello, però, non soddisfa le esigenza degli amanti dell’Arte e della Religiosità; agli amanti dello sport, infatti, offre tantissimi sentieri per gli amanti della corsa, per i biker e per gli amanti del trial. A soli 3 km c’è poi un nuovissimo campo da golf dove gli amanti di questo sport possono affinare le proprie capacità. Mercatello sul Metauro si fregia della Bandiera Arancione del Touring Club d’Italia, marchio di qualità turistico-ambientale che premia i paesi che meglio sanno conservare la propria tradizione; tradizione che è anche gastronomica come confermano i tanti gourmet che vengono a gustare le tante specialità che vanno dal tartufo alle bistecche di manzo marchigiano.

Al confine tra paese e campagna, a dominare dall’alto tutto l’abitato, c’è “Casa Balducci”, una piccola struttura a conduzione famigliare pronta a ospitare gli amanti del relax e della Natura in compagnia dei loro amici a 4 zampe. Ad accogliervi ci sarà Maurizio, appassionato di cinema, buoni libri e di cucina. Nelle 3 camere, pronte a ospitarvi, troverete una vasta gamma di volumi che potranno soddisfare ogni vostra esigenza e dvd di film troppo spesso dimenticati dalla grande distribuzione.

Thumbnail

Thumbnail

Thumbnail